Sarri
Enrico Locci/Getty Images

Non è bastato schierare Cristiano Ronaldo per uscire indenne da Cagliari, la Juventus non è riuscita a strappare un risultato positivo alla Sardegna Arena, incassando un pesante 2-0 che Maurizio Sarri comunque si aspettava.

Higuain
Enrico Locci/Getty Images

L’allenatore bianconero ha parlato dopo il match trovando delle attenuanti al ko con i rossoblù, lanciando poi anche una provocazione: “il dato di 40 gol subiti può preoccupare, ma la partita di Cagliari no. Avevamo 9 infortunati e venivamo da un campionato vinto 68 ore fa, quindi era una partita atipica che va presa per quello che è. Però siamo gli unici in Europa che hanno fatto 5 partite in 12 giorni, la Lega ci ha creato grossi problemi. Così rischiamo di lasciare energie e qualche giocatore sul campo, potevano allungarci questo ciclo di un paio di giorni anche se così avremo un po’ di riposo in più prima del Lione. Vediamo come stiamo domani e se è il caso di schierare l’Under 23 sabato con la Roma per recuperare al meglio o se basterà far riposare qualcuno“.

Ronaldo e Cuadrado
Enrico Locci/Getty Images

Sui singoli poi, Sarri ha ammesso: “Cristiano e Higuain sono andati bene perché siamo arrivati alla conclusione, ma ci sono mancate un po’ di brillantezza e di cattiveria, era normale che fosse così. Cristiano era molto motivato, voleva giocare a tutti i costi perché si sentiva bene ed era voglioso di giocare. Quando un giocatore ha questo tipo di testa secondo me deve andare in campo. Gonzalo invece ultimamente ha giocato meno e lui potrebbe avere bisogno di fare minuti, mentre altri hanno bisogno di tirare un po’ il fiato. Valuterò la situazione da domani“.