Ciro Immobile
Foto GETTY / Paolo Bruno

Un’altra prova di forza della Lazio che ribalta, per la seconda volta consecutiva, una partita nella quale era finita sotto nel punteggio. Carattere e grinta per i biancocelesti che restano in scia della Juventus battendo 1-2 il Torino con due gol nella ripresa di Immobile e Parolo.

Ciro Immobile
Foto Getty / Marco Rosi – SS Lazio

Se contro la Fiorentina era stato Ribery a seminare il panico nella difesa biancoceleste, forse unica nota stonata del ritorno in campo dei biancocelesti, questa volta è un pasticcio complessivo a causare un calcio di rigore trasformato da Belotti. La squadra capitolina non si lascia scoraggiare, macina gioco ed attacca ad alto ritmo, da una fascia all’altra, nonostante Immobile fallisca qualche occasione di troppo. Nella ripresa però, il capocannoniere della Serie A tocca quota 29 reti e Parolo firma la vittoria con una conclusione deviata al ’72.

Andrea Belotti
Foto Getty / Valerio Pennicino

Notte fonda per il Torino. La squadra di Longo non è stata capace di sfruttare al meglio il vantaggio iniziale, nè provando a raddoppiare, nè cercando di difendere il risultato. Dal punto di vista fisico la squadra è apparsa in grande difficoltà, ancor peggio sul piano del gioco: l’assenza di un vero regista rende la manovra lenta e complicata, Belotti è abbandonato a se stesso, lotta e corre per tre, ma non riesce ad essere incisivo. La zona retrocessione dista solo 6 punti, ma grazie solo a chi fa peggio di un Torino che ha raccolto appena 4 punti nelle ultime 10 gare.