Novak Djokovic
Foto Getty / Francois Nel

La stagione di tennis sta per ripartire, una notizia esaltante per Novak Djokovic, che ha atteso con ansia l’annuncio della ripartenza.

Djokovic
Srdjan Stevanovic/Getty Images

Il serbo ha espresso la propria soddisfazione, sottolineando come sia una liberazione quella di tornare in campo: “speriamo che nei prossimi due mesi alcune di queste restrizioni si allentino un po’ e che avremo un grande, fantastico torneo. Sono davvero felice che si riparta, che si potranno disputare molti tornei, soprattutto del Grande Slam. Penso sia una fantastica notizia che il Tour stia tornando. Sono sicuro di parlare a nome di tutti i giocatori, di tutti gli appassionati di tennis e di tutti i soggetti coinvolti nell’ambiente del tennis. Questo è quello che stavamo aspettando da tutti questi mesi! Abbiamo sperato e pregato che il Tour riprendesse molto presto”.

Djokovic
Tom Dulat/Getty Images

Riguardo i protocolli sanitari da rispettare, Djokovic ha ammesso: “ovviamente i regolamenti e le misure attuali sono piuttosto rigide. Con la quarantena e con diversi giocatori, in particolare quelli del Sud America, in difficoltà nell’uscire dai propri paesi per arrivare negli Stati Uniti, non è la situazione migliore. Speriamo che le cose possano cambiare. L’ATP e l’USTA ci stanno lavorando, lo scenario peggiore è che tutto rimanga così, ma c’è tempo. Speriamo che ogni giocatore che per classifica ha diritto a partecipare agli US Open abbia l’opportunità di viaggiare e competere come tutti gli altri. Questo è molto, molto importante perché questa è la base dell’ATP e le fondamenta del tennis internazionale, aperto a tutti. Cercheremo tutti collettivamente di assicurarci che questa sia la priorità”.

Novak Djokovic
Photo by Cameron Spencer/Getty Images

Il serbo ha poi sottolineato che parteciperà al Roland Garros: “si è spostato in date diverse nel calendario e sono contento che siano stati in grado di mettere tutto insieme, perché capisco le complicazioni e le sfide che stanno dietro l’organizzazione del torneo. È bello che avremo un tetto, ovviamente sul Philippe Chatrier, è una novità molto positiva per il torneo. Il Roland Garros è uno dei tornei più importanti e uno dei più belli al mondo. Mi diverto sempre a giocare lì e non vedo l’ora di tornarci quest’anno”.