Enes Kanter
AP/LaPresse Elise Amendola

Archiviata la torbida vicenda legata all’arresto del padre, scarcerato nei giorni scorsi, Enes Kanter è pronto a concentrarsi sul basket. Il centro turco fa parte di quei cestisti che vorrebbero tornare in campo nonostante le proteste sociali negli USA. Kanter ha spiegato: “capisco tutto il tema della giustizia sociale… ma se sei ad Orlando, tutto il mondo sarà concentrato su di te, giusto? Possiamo fare una differenza enorme anche in quel contesto. Potremo avere le giuste attenzioni anche lì, in maniera da poter lanciare il nostro messaggio. Qualunque cosa vogliamo trattare: da ‘Black Lives Matter’, alla libertà, alla giustizia fino alla democrazia. Ad Orlando avremo l’opportunità di parlare di qualsiasi tema importante. Se ti importa veramente di questi argomenti, allora non bisogna far altro che giocare, fare i Playoff, guadagnare i tuoi soldi e donarli alle associazioni vicine alla ‘Black Lives Matter Foundation’ o semplicemente restituirli alla tua comunità. Non possiamo solo parlare senza poi fare nulla”.