Quartararo
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Il Mondiale 2020 di MotoGp si avvicina, il 19 luglio si spegneranno i semafori di Jerez de la Frontera per dare il via ad una stagione anomala e particolare.

Rossi
Robert Cianflone/Getty Images

Fabio Quartararo è pronto per scendere in pista, gli toccherà vedersela ancora una volta con Marc Marquez, che l’anno scorso gli ha tolto la possibilità di vincere la sua prima gara nella classe regina. Intervistato dal ‘Resto del Carlino’, il francese ha ammesso: “sentirmi definire l’anti-Marquez non mi dispiace. Anzi, se la gente mi vede come il pilota giusto per battermi con Marquez, significa che sto lavorando bene. Sono in forma, ho finito molto bene la stagione 2019. Ma abbiamo dovuto trovare l’accordo in fretta anche perché avevo tante opportunità per andare via e quindi dal 2021 volevo una moto ufficiale. Valentino, se andrà in Petronas, sarà un protagonista assoluto. Come sempre. E poi avrà la nostra stessa moto, una Yamaha ufficiale e questo significa che sarà in bagarre fra i top driver, proprio come nel Mondiale che sta per iniziare. Il 2020 sarà tutto da scoprire e da vivere. Correremo una stagione che rimarrà unica nella storia della MotoGp e quindi il risultato finale non sarà scontato”.

valentino rossi marc marquez
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Riguardo Marquez, Quartararo ha amemsso: “è il pilota da battere, non ci sono dubbi, ma mi piace immaginare un finale di Mondiale con un risultato a sorpresa. Dovremo stare molto attenti a non cadere, perché una caduta e uno stop anche non grave rischierà di farci saltare diversi Gp e lasciare così agli avversari tanti punti. Di Vale ripeto quello che ho detto, non dimentico Dovizioso e Marquez. Ma accanto a loro stanno arrivando sei, sette piloti molto forti e potenziali campioni del Mondo. Personalmente voglio arrivare più volte possibile sul podio e fare risultato praticamente sempre”.