lin jarvis
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Il nome di Jorge Lorenzo è tornato prepotentemente sul mercato di MotoGp, lo spagnolo è stato accostato nuovamente alla Ducati, che fatica a trovare un accordo con Dovizioso per il rinnovo.

lin jarvis
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Un matrimonio che potrebbe consumarsi nuovamente dopo soli 12 mesi di ‘esilio’ in Yamaha, team che il maiorchino dovrebbe abbandonare come ammesso da Lin Jarvis: “i piani che avevamo con Lorenzo si sono visti gravemente compromessi. Ha potuto girare solamente a Sepang per adattarsi nuovamente alla moto, ma non ha potuto fare molto per noi. C’era un programma preparato, con un test in Giappone ed altre prove in Europa, ma è stato tutto cancellato. Abbiamo programmato un test a Misano per metà stagione, ma non sappiamo se potremo farlo. Sarà difficile partecipare con Jorge, perché il nostro test team è formato da giapponesi e, al momento, non possono viaggiare in Europa. È molto frustrante. Il fatto di aver vietato le wild card implica che non potremo vedere Jorge in gara quest’anno, è un peccato. Avevamo delle aspettative molto alte riguardo a questa cosa, ma non possiamo continuare con lui“.

jorge lorenzoSul futuro, Jarvis non si è sbilanciato: “se decidessimo di proseguire, dovrebbe essere interessante ed avere valore per entrambe le parti. Aspettiamo di vedere quanti giorni di test faremo quest’anno e poi decideremo se continueremo a collaborare. Se entrambi saremo contenti, ne discuteremo. Jorge voleva fare il collaudatore quest’anno e correre qualche gara come wild card. Ma personalmente credo che ci fosse un motivo dietro questa scelta, ovvero vedere se fosse ancora veloce e competitivo, verificare se potesse recuperare la fiducia in sella alla sua vecchia Yamaha. Ma noi abbiamo tutte e quattro le selle occupate in MotoGP, quando Rossi deciderà di proseguire e firmerà con Petronas. Spero che anche Franco Morbidelli resti con noi. Quindi non c’è spazio per Jorge in Yamaha. Dovrebbe parlare con un altro costruttore, ce ne sono molti che non hanno ancora completato le proprie line up, come Ducati. Fino ad ora ha firmato con un solo pilota“.