Marco Rosi/Getty Images

Ighli Tare è senza dubbio uno degli artefici di questa sorprendente Lazio, un direttore sportivo illuminato capace di costruire una squadra solida e spettacolare, in lotta per lo scudetto con Juventus e Inter.

Ciro Immobile
Foto GETTY / Paolo Bruno

Il direttore sportivo biancoceleste ha raccontato i segreti del suo lavoro a ‘Il calciomercato che verrà’ su Sky Sport, partendo dal tema mercato: “il rapporto tra Milinkovic Savic e la piazza è molto forte, non morirà mai. Ogni situazione, come promesso, sarà valutata al momento opportuno e nel bene di entrambe le parti. Se ci sarà una possibilità che accontenti società e giocatore verrà presa in considerazione, altrimenti saremo felici di vederlo ancora con noi. Quanto vale? Io non sono bravo con i numeri, so solo che è un giocatore di prima fascia”. Come Immobile, capocannoniere della Serie A: “Il Napoli non ce lo ha mai chiesto. Immobile è la Lazio e la Lazio Immobile, mi auguro rimarrà qui per tanti anni”.

tare
Marco Rosi – foto Getty

Tare poi ha svelato di aver ricevuto un’offerta dal Milan, declinata visto il suo attaccamento alla Lazio: “c’è stato un contatto con il Milan lo scorso anno, anche per un fatto di simpatia. Da bambino sono cresciuto nel mito dei rossoneri di Gullit, Van Basten, Rijkaard, Inzaghi, Ancelotti e Maldini. Quando arrivi al momento di fare una scelta però pensi alla Lazio che per me è fondamentale, io mi sento laziale. Il mio rapporto va oltre l’aspetto professionale e diventa ancora più forte vedendo i frutti di un lavoro portato avanti negli anni”.