Cristiano Ronaldo
Foto Getty / Valerio Pennicino

La Juventus continua a vincere, al termine di una prestazione a due facce: primo tempo a ritmi blandi e con troppi errori sotto porta, ripresa pungente e con 4 reti. Il tutto contro un Lecce che, pur giocando in 10 dalle fasi iniziali a causa del rosso rimediato da Lucioni, non meritava un passivo così ampio.

Cristiano Ronaldo
Foto Getty / Francesco Pecoraro

Bianconeri che confermano il trend delle uscite ‘post-Covid’, apparendo poco brillanti dal punto di vista del ritmo e spesso spreconi in zona gol. Ci si mette anche Cristiano Ronaldo a fallire qualche occasione piuttosto ghiotta. I salentini provano ad alzare il muro, sotto di un uomo, difendendo lo 0-0 fino al 52. Un erroraccio di Shakov regala palla a CR7 che si accende: prima fornisce l’assist a Dybala per il gol che apre le danze, poco dopo si procura e trasforma un calcio di rigore, ed infine serve l’assist ad Higuain per il 3-0 che tramortisce il Lecce. De Ligt su assist di Douglas Costa cala il poker.

Trascinata dal fuoriclasse portoghese, la Juventus firma la prima vittoria netta, quantomeno dal punto di vista dei gol, del suo ritorno al calcio giocato. Cristiano Ronaldo segna e fa segnare, specialmente Higuain che, entrato a partita in corsa, ritrova la gioia del gol dopo le grandi polemiche subite durante il lockdown. Il portoghese si scrolla di dosso qualche critica di troppo per le prestazioni opache offerte in queste prime 4 gare di ritorno al calcio giocato. Le ambizioni scudetto dei bianconeri passano soprattutto dalla forma di CR7, leader e luce della squadra ‘post-Covid’ più che mai.