Alex Zanardi
Bryn Lennon/Getty Images for IRONMAN

Le condizioni continuano ad essere stabili da un punto di vista cardiorespiratorio, è sempre ventilato meccanicamente e anche i parametri metabolici restano stabili. Il quadro clinico è quindi tutto sommato buono“. Sabino Scolletta, direttore del dipartimento di emergenza-urgenza dell’ospedale “Le Scotte” di Siena, ha commentato così le condizioni di salute di Alex Zanardi dopo il grave incidente di ieri.

Il medico ha anche parlato di possibili lesioni oculari ed eventuali conseguenze sulla vista: c’è naturalmente da confermare la gravità del quadro neurologico, e questo andrà valutato nella prossima settimana quando le condizioni ce lo permetteranno. Il paziente quindi è stabile ma è ancora grave dal punto di vista neurologico. Ci possono essere anche delle conseguenze per la vista e quindi abbiamo anche chiesto delle consulenze agli oculisti perchè c’è qualche lesione anche oculare. Il trauma è anche facciale, e quindi è probabile che ci siano lesioni di quel tipo. Avremo delle stime oculari fra qualche giorno. Stessa cosa a livello neurologico, i sedativi non ci consentono di poter fare una valutazione neurologica, il quadro è talmente compromesso che ci impone una terapia farmacologica per dare stabilità. Difficile dire anche quando potremmo togliere questa sedazione. In caso di stabilità è probabile che la prossima settimana, sentendo i nostri consulenti e il chirurgo che lo ha operato, potremo pensare di poter sospendere la sedazione“.

Leggi anche:

Incidente Alex Zanardi – Arriva una buona notizia: escluse lesioni interne al corpo, le attuali condizioni

Incidente Alex Zanardi, la rivelazione shock del sindaco: “nessuno ci ha avvisato che ci fosse una gara”

Incidente Alex Zanardi, il dottor Oliveri svela: “aveva un fracasso facciale, potrebbe svegliarsi tra 15 giorni”

Incidente Alex Zanardi, gli ultimi aggiornamenti sulle condizioni dell’azzurro: il bollettino di questa mattina

Incidente Alex Zanardi, il racconto di due testimoni: “quando l’ho visto a bordo strada che non si muoveva…”