zack brown mclaren
Lars Baron/Getty Images

Carlos Sainz Jr sarà ufficialmente un pilota della Ferrari nel 2021, ma finché sarà in McLaren non verrà escluso dalle riunioni del team.

Peter Fox/Getty Images

Lo ha ammesso Zak Brown, CEO della scuderia di Woking, andando controcorrente rispetto a quello che accade negli altri team quando un pilota è promesso sposo di un’altra squadra. Intervenuto al vodcast di Sky Sports F1, Brown ha ammesso: “correremo insieme nel 2020 e vogliamo avere più successo possibile, lui è un professionista e noi siamo professionisti. Penso che se si inizia a trattenere le informazioni, allora non potremo avere un 2020 di successo insieme. Dobbiamo concentrarci su questa stagione e penso che trattenere informazioni non sarebbe produttivo. La nostra vettura 2021 sarà come quella del 2020. Forse, se quella del 2021 sarebbe stata nuova di zecca, allora sarebbe stato scomodo condividere informazioni. Ma effettivamente sarà la stessa di quest’anno, quindi non sono preoccupato per l’integrità di Carlos. Saremo un libro aperto per lui“.

Sainz
Clive Mason/Getty Images

Brown ha poi proseguito: “fortunatamente abbiamo un ottimo rapporto con Carlos, siamo stati molto trasparenti uno con l’altro durante l’inverno. E’ un professionista, ha fatto un ottimo lavoro per noi, e siamo amici della sua famiglia. A differenza di altre partenze, e penso al box Ferrari con Vettel e Leclerc, dove potremmo vedere cose molto eccitanti quest’anno, noi abbiamo molta armonia in squadra. Penso che Carlos e Lando siano molto competitivi tra loro, ma hanno anche molto rispetto uno per l’altro. Siamo diventati una squadra per cui amano guidare, mi piace pensare che abbiamo creato un ambiente nel box che fa in modo che ai piloti piaccia guidare per la McLaren“.