Clive Mason/Getty Images

Difficilmente rivedremo presto i tifosi riempire gli autodromi di Formula 1, l’emergenza Coronavirus è ancora in atto in alcune zone del pianeta, motivo per il quale i vertici del circus non hanno intenzione di rischiare.

Brawn
Charles Coates/Getty Images

Lo ha sottolineato Ross Brawn durante la eConference FIA, ammettendo come ci vorrà tempo prima di riaccogliere i tifosi sulle tribune: non avremo fretta, alcune delle successive gare europee sono ottimiste, ma preferiamo non fare dei piani su questo. Penso che potremo sperare di avere degli spettatori quando faremo delle gare oltreoceano, ma anche questo non è assolutamente garantito. Avere la gara in un ambiente sicuro è fondamentale, andiamo in giro per il mondo, non possiamo avere dei problemi in un paese che ci impediscano poi di andare in altri Stati, quindi progrediremo lentamente su questo fronte. Non è così vitale per noi avere i fan alla gara, ma vogliamo vederli perché aggiungono comunque tanta atmosfera. Lo faremo molto gradualmente e sicuramente non vogliamo riaprire tutto per dover poi di nuovo chiudere quando troviamo il problema”.