Coronavirus
Foto Getty / Emanuele Cremaschi

Ben 400 milioni di dosi di vaccino anti-Covid da destinare a tutta la popolazione Europea. Il ministro Speranza e i colleghi di Germania, Francia e Olanda hanno sottoscritto un contratto con il colosso farmaceutico Astrazeneca per la produzione del vaccino anti-Coronavirus. Le dosi dovrebbero arrivare in Italia entro fine anno e sarebbero destinate inizialmente agli operatori sanitari e alle fasce di popolazione più a rischio, per poi essere estese a tutto il resto dei cittadini.

Il vaccino è stato denominato ChAdOx1 nCoV-19 ed è nato nei laboratori dello Jenner Institutu della Oxford University. Attualmente è stato testato sulle scimmi ed ha funzionato parzialmente. L’epidemiologo Giovanni Rezza, dirigente di ricerca dell’Istituto Superiore della Sanità, ha spiegato che: “il modello animale su primati non umani ha dato risultati discreti. Scimmie protette dalla polmonite ma non del tutto dall’infezione. Può essere un problema di dosaggio. Ora vediamo i risultati del trial sull’uomo e naturalmente incrociamo le dita!“. Entro la fine dell’estate si saprà se i test effettuati sui volontari umani daranno l’effetto sperato.