Coronavirus
WPA Pool/Getty Images

Scende la pressione sugli ospedali così come il numero dei morti, salgono invece le persone dimesse e i guariti. L’emergenza Coronavirus in Italia continua ad affievolirsi, sono positivi infatti i dati pubblicati dalla Protezione Civile nelle ultime 24 ore, che confermano come la curva epidemiologica continua a scendere.

Coronavirus
Vittorio Zunino Celotto/getty images

Questa la nota ufficiale del Dipartimento:oggi, 13 giugno, il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 236.651, con un incremento rispetto a ieri di 346 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 27.485, con una decrescita di 1.512 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 220 sono in cura presso le terapie intensive, con una decrescita di 7 pazienti rispetto a ieri. 3.747 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 146 pazienti rispetto a ieri. 23.518 persone, pari all’86% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 55 e portano il totale a 34.301. Nel numero totale sono conteggiati anche 23 decessi comunicati dalla Regione Lazio ma riferiti ai mesi di marzo e aprile. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 174.865, con un incremento di 1.780 persone rispetto a ieri“.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 16.785 in Lombardia, 2.820 in Piemonte, 1.727 in Emilia-Romagna, 778 in Veneto, 502 in Toscana, 244 in Liguria, 1.357 nel Lazio, 677 nelle Marche, 337 in Campania, 422 in Puglia, 70 nella Provincia autonoma di Trento, 842 in Sicilia, 105 in Friuli Venezia Giulia, 509 in Abruzzo, 95 nella Provincia autonoma di Bolzano, 21 in Umbria, 34 in Sardegna, 7 in Valle d’Aosta, 45 in Calabria, 97 in Molise e 11 in Basilicata.

Il bilancio dell’Italia aggiornato ad oggi:

  • 236.651 casi totali
  • 34.301 morti
  • 174.865 guariti

Le persone attualmente positive al Coronavirus sono 27.485, così suddivisi:

  • 3.747 ricoverate in ospedale (13%)
  • 220 ricoverate in terapia intensiva (1%)
  • 23.518 in isolamento domiciliare (86%)