marotta
Valerio Pennicino/Getty Images

Il mercato dell’Inter in questo momento è in grande fermento, non solo per quanto riguarda i possibili rinforzi da regalare ad Antonio Conte, ma anche per la questione Lautaro Martinez.

Lautaro Martinez
Foto Getty / Emilio Andreoli

L’argentino come ormai noto piace eccome al Barcellona, che non vorrebbe però pagare la clausola di 111 milioni di euro prevista nel contratto con i nerazzurri. Un elemento imprescindibile però per la società di Suning, che non ha intenzione di privarsi del proprio attaccante. Ai microfoni di DAZN, l’ad Marotta ha fatto chiarezza: “l’abbiamo rimarcato in più di un’occasione, l’Inter è un club nobile, non vuole vendere i giocatori migliori e anche nel caso di Lautaro Martinez vale la stessa regola. Se il giocatore non manifesta la volontà di andare via, e non è accaduto, non ci sono i presupposti perché vada in un altro club. Su Lautaro noi siamo stati molto chiari“.

Sanchez
Emilio Andreoli/Getty Images

L’ad dell’Inter ha parlato poi anche della situazione relativa ai prestiti di Alexis Sanchez Victor Moses, una questione spinosa considerando il fatto che Manchester United e Chelsea vorrebbero lasciarli in Italia fino al termine della Serie A per poi riaverli prima dell’Europa League. Queste le parole di Martotta a Sky Sport: “abbiamo fortemente voluto evidenziare una situazione anomala che andrebbe disciplinata, mi riferisco ai prestiti che trovano una disparità di tempi da un club all’altro. Ci troviamo a fare trattative vere e proprie per giocatori che sono dati in prestito o che abbiamo in prestito. I giocatori, essendo lavoratori, hanno diritto a prendere parte alle competizioni che volgono al termine. Non parlo solo della Serie A. Spero che a breve ci sia un provvedimento da parte della Fifa o delle autorità competenti per regolamentare questa situazione“.