Michael Jordan
Foto Getty / Brian Bahr

The Last Dance‘ è stato incredibilmente apprezzato dai fan ma qualche giocatore apparso nella serie ha storto il naso a causa di alcune immagini un po’ distorte, relative alla figura di Jordan e degli stessi compagni, venute fuori dai vari episodi. Ne è l’esempio Horace Grant che ha definito il 90% del documentario ‘tutte cazzate’.

Alle critiche generali ha voluto rispondere Dennis Rodman che ai microfoni di Good Morning Britain ha dichiarato: “i giocatori erano un po’ arrabbiati perché sentivano che Michael li stava gettando sotto il bus: ‘ragazzi, non stavate facendo quello che voglio che facciate, io sono il più grande, sono determinato a vincere, non mi importa di nulla’. Michael parla sempre della squadra, dei compagni di squadra. Mentalmente non penso che fossero abbastanza forti da gestire le sue critiche. Phil Jackson è un allenatore rilassato ma Michael è più tipo ‘vado a vincere, guarda come divento famoso‘. Su di me questa cosa non aveva effetto perchè io avevo già quella voglia di vincere perchè venivo da vittorie a Detroit e San Antonio. Non gli davo peso perchè ero già famoso“.