Milan, il presidente Scaroni svela: “costruiremo una squadra giovane che giochi un calcio nuovo”

Il presidente rossonero ha fatto chiarezza su quella che sarà l'impronta del Milan nei prossimi anni, mandando un messaggio a colui che sarà il nuovo allenatore

Frasi importanti, obiettivi concreti e anche un messaggio chiaro a colui che sarà l’allenatore del Milan nella prossima stagione.

Gazidis
Julian Finney/Getty Images

Il presidente rossonero Scaroni ha fatto il punto sul presente e sul futuro rivelando, in videoconferenza con il portale di diritto sportivo Olympialex, quella che sarà l’impronta che il club dovrà avere: “Gazidis è un professionista del mondo del calcio e si occupa di tre aree. La prima missione è costruire una squadra giovane, che giochi un calcio veloce, più veloce rispetto a quello che si vede abitualmente in Italia, più simile al modello inglese o a quello dell’Ajax. La seconda area riguarda il nuovo stadio, San Siro ha un grande nome, ma è totalmente obsoleto per il calcio. La terza sezione sono gli sponsor. Il Milan ne ha bisogno, senza risultati non arrivano gli sponsor e senza sponsor non arrivano i risultati. La sfida è conquistare nuovi tifosi ovunque, in luoghi come Cina, Indonesia e Pakistan, disputando le partite in orari compatibili con le dirette tv“.

Leao
Marco Luzzani/Getty Images

Sulla stagione attuale, Scaroni ha ammesso: “credo che siamo la squadra più giovane della Serie A. Abbiamo fatto alcuni errori, abbiamo cambiato allenatore a inizio stagione, probabilmente Giampaolo non è stata una scelta fortunata. Gli errori sono ormai dietro di noi, non davanti. Vogliamo riportare il Milan dove merita. Ripresa? La mia posizione è chiara, l’ho espressa anche in Lega, voglio finire il campionato. È possibile e fattibile. La decisione finale non spetta né alla Lega né ai club, ma al Governo“.