Un rapporto particolare, Maxi Lopez e quel retroscena su Ronaldinho: “vi racconto quando mi sfondò la porta di casa”

L'argentino ha raccontato il suo rapporto con Ronaldinho, rivelando un curioso aneddoto risalente al periodo trascorso al Barcellona

Maxi Lopez e Ronaldinho, amici per la pelle fin dai tempi di Barcellona, quando il rapporto tra l’argentino e il brasiliano divenne solido grazie ad una… porta di casa sfondata.

Ronaldinho
Hector Vivas/Getty Images

A raccontare il curioso aneddoto è l’attaccante ora al Crotone, intervenendo ai microfoni del Mundo Deportivo: “arrivai  in una squadra con molti giocatori importanti e mi hanno fatto giocare accanto a Ronaldinho. Un vero campione. Ricordo come mi abbia aiutato molto nell’ambientamento dentro e fuori dal campo. I primi tempi per me è stato molto difficile integrarmi, capire ed entrare nelle dinamiche di gruppo. Sono tornato a casa e una volta diede un calcio alla porta per entrare e portarmi fuori. Mi ha portato fuori a cena, conoscere la città. E’ sempre stato così, con tutti i miei compagni di squadra. Un ragazzo che ti coinvolgeva fuori dal campo con la sua irrefrenabile gioia di vivere. Avevamo formato davvero un bel gruppo, con cui siamo ancora oggi in contatto“.