Le pay tv chiedono 255 milioni di sconto alla Lega se il campionato non riparte: e intanto si fa largo il fondo Cvc

Le pay tv chiedono un forte sconto alla Lega nel pagamento dei diritti tv se la Serie A non riparte: intanto spunta l’ipotesi del fondo Cvc

Se la Serie A non dovesse ripartire, le pay tv vogliono uno sconto fino a 255 milioni di euro sui diritti tv da pagare ai club. È questa la posizione ribadita da Sky, Perform (DAZN) e Img per tutelarsi nel caso in cui, a causa dell’emergenza Coronavirus, la Serie A non dovesse più ripartire come accaduto per i campionati in Francia e Olanda. L’assemblea dei club ha ribadito, nei giorni scorsi, la volontà di non fare alcuno sconto, ma diversi club vorrebbero evitare un braccio di ferro che possa avere ripercussioni legali e sul prossimo triennio di diritti tv 2021-2024.

Intanto il Sole 24 ore parla dell’interesse di Cvs, gigante del private equity internazionale che ha già investito in F1 e nel Sei Nazioni di rugby. Il fondo sarebbe in trattativa con la Lega per creare una newco dove confluirebbero i diritti tv venduti dal 2021 e sarebbe la newco a trattare con i broadcaster per la futura rivendita.