Juventus, Medhi Benatia non le manda a dire: “così Allegri mi ha tradito”

Medhi Benatia torna a parlare del suo addio alla Juventus: il difensore marocchino svela di essersi sentito tradito da Massimiliano Allegri

Dopo Juventus-Napoli ho vissuto la settimana più brutta: abbiamo sofferto tantissimo, ho quasi tenuto la difesa da solo, poi in occasione del gol di Koulibaly ho perso la marcatura. La settimana dopo Allegri, contro l’Inter, mi ha tolto dai titolari: mi sono sentito tradito, credo che non avesse guardato bene la partita contro il Napoli“. Si è espresso così Medhi Benatia in merito a ciò che ha portato al suo addio alla Juventus. Il difensore marocchino ha parlato apertamente dei contrasti con Allegri che hanno portato, dopo la partita contro il Napoli, a scivolare indietro nelle gerarchie del tecnico livornese. “Il gol di Koulibaly è stato un momento bruttissimo e difficilissimo, non ho dormito per 2-3 giorni – ha ammesso Benatia ai microfoni di Sky Sport 24 -. Ero molto triste. Quando ho visto che Allegri non mi faceva giocare contro l’Inter l’ho presa sul personale. Fortunatamente abbiamo vinto 3-2: ero contento per la vittoria però nello stesso momento ero triste. Stavo giocando ogni tre giorni, ero sempre lì presente. L’ho presa davvero male“.