Perin
Emilio Andreoli/Getty Images

L’obiettivo è ripartire, così come sta accadendo in Germania che, nella seconda metà di gennaio, vedrà ricominciare la Bundesliga.

San Siro
Marco Luzzani/Getty Images

In Italia ci vorrà ancora un po’ per capire se il pallone tornerà a rotolare, intanto Mattia Perin ha espresso la sua idea al canale YouTube della Luiss Sport: “ci saranno nuovi casi di contagio, è impossibile che vada tutto liscio, l’importante sarà saper gestire la situazione, come stanno facendo in Germania, con test ogni 4-5 giorni. Noi giocatori non abbiamo mai staccato con la testa, ci siamo sempre allenati, anche se a casa, per tenerci in forma. Tra di noi i pareri sono discordanti: c’e chi vuole iniziare al più presto, chi ha qualche timore. A me manca tantissimo il pallone: io sarei per riprendere, ma la salute deve essere messa sempre al primo posto. A quanto pare stanno facendo dei protocolli per proteggere i calciatori e tutte le persone che lavorano con noi. Io dovrò tornare a Genova lunedì prossimo per fare dei test sierologici e anche un tampone”.