Mark Thompson/Getty Images

Un anno fa veniva a mancare la leggendaria figura di Niki Lauda, una morte che colpì profondamente la Mercedes e in particolare Toto Wolff, che con l’ex pilota austriaco aveva instaurato un solido rapporto di amicizia.

wolff
Mark Thompson/Getty Images

A dodici mesi dalla sua scomparsa, il team principal austriaco ha voluto ricordare Niki con parole cariche di significato: “cosa ho imparato da Niki? Tantissime cose. Da un punto di vista personale, il non arrendersi mai. Senza chiedere le cose, ma facendo le cose. Niki non si è mai lamentato. Il modo in cui ha affrontato le avversità che gli sono capitata è stato davvero ammirevole. Mi manca tremendamente nel suo ruolo di partner nel team e soprattutto come amico, che è stato con me in questo ambiente ostile. Probabilmente il suo tratto caratteriale più impressionante era il non lamentarsi mai. Niki mi ha ispirato con la sua personalità, il suo approccio resiliente alle cose e per come è stato costantemente in grado di reinventarsi. Penso che abbiamo avuto molti punti di contatto, non mi guardo mai indietro e non mi interessano i risultati delle gare passate. E anche per lui era così. Conta solo l’oggi e il domani. Mi piacerebbe fosse ancora tra noi perché mi manca tanto come amico. Ho perso il mio socio negli affari, il mio compagno di viaggio, uno con cui confrontarmi, il mio coach. A tutti noi del team manca moltissimo”.

Vettel
Charles Coates/Getty Images

Sul possibile approdo di Vettel in Mercedes, Wolff ha ammesso: “apprezzo Seb sia come persona che come pilota. A livello personale è molto schietto e diretto, condivide i miei stessi valori. Come pilota è un quattro volte campione del mondo, quindi credo che non ci sia altro da aggiungere” le parole di Wolff a RTL. “Da un punto di vista tedesco l’arrivo di Vettel in Mercedes sarebbe senza dubbio visto in maniera positiva, ma dobbiamo rimanere fedeli a quelli che è il nostro sentiero. La lealtà è importantissima. Soltanto quando sarà iniziata la stagione potremo iniziare eventualmente a guardarci attorno, sicuramente metteremo tutto sul tavolo, dalle dinamiche che potrebbero nascere tra i piloti fino al marketing”.