Sainz
Clive Mason/Getty Images

La quarantena di Carlos Sainz Jr è stata parecchio inusuale, considerando che durante il periodo di confinamento domiciliare ha firmato un contratto con la Ferrari per il 2021 e il 2022.

Peter Fox/Getty Images

Un’occasione da non perdere per lo spagnolo, che ha rivelato alla trasmissione Vamos Sobre Ruedas i retroscena della curiosa trattativa con il Cavallino: “sono state settimane molto particolari e questa trattativa senza vedersi è stata molto strana. Fare una trattativa del genere in mezzo alla pandemia è stato sinceramente inusuale. Ero qui in casa con mio padre e in costante contatto telefonico con il mio agente. E tutto considerato ce la siamo cavata abbastanza bene. Se è arrivata l’offerta della Ferrari è stato grazie al lavoro fatto nel 2019 in McLaren. Merito mio, ma anche di tutta la squadra. E infatti non vedo l’ora di poter ringraziare le tante persone che hanno reso possibile tutto questo. Lunedì vado a Londra e poi finalmente a Woking a lavorare. So che tutti qui in Spagna non aspettano altro che vedermi vestito di rosso a lottare per podi e vittorie, ma bisogna avere pazienza e rispetto“.

Sainz
Mark Thompson/Getty Images

Sainz ha le idee chiare su cosa fare nei prossimi mesi: “passata questa grande voragine emozionale e informativa, dalla prossima settimana la mia idea è quella di mettere la Ferrari in un cassetto e di concentrami solo sulla McLaren. Avrò ancora più pressione dopo questo annuncio e ci tengo tantissimo a dare tutto me stesso per ripagare la fiducia che mi hanno dato nel 2019 e i tantissimi messaggi di affetto ricevuti in questi giorni, da tutti. Io pensavo che magari qualcuno ci potesse rimanere male per il mio annuncio, e invece è stato il contrario: ho sentito attorno a me enorme affetto e voglio restituirlo in pista“.

Sainz
Rudy Carezzevoli/Getty Images

La nuova stagione dovrebbe iniziare a luglio in Austria, Sainz non vede l’ora: “sarà strano, e difficile. Perché non corriamo da dicembre e saranno passati più di sei mesi quando torneremo in pista. Non penso che la cosa porterà a più incidenti come ha detto Ricciardo, siamo tutti ottimi piloti e grandi professionisti, però si ritengo che sarò molto faticoso a livello fisico. Il collo, lo stomaco, la fatica si farà sentire. E poi la stagione così compressa. Mi auguro che si potranno fare davvero tutte le corse in programma: all’inizio sarà facile correre spesso perché siamo fermi da tanto e abbiamo una gran voglia, però a fine anno sarà dura, la compressione del calendario si farà sentire“.