Coronavirus – Immagini vergognose ai Navigli di Milano, l’ultimatum del sindaco Sala: “pronto a chiudere tutto” [VIDEO]

Beppe Sala, sindaco di Milano, lancia un vero e proprio ultimatum alla popolazione: dopo le vergognose immagini dei Navigli, il primo cittadino è pronto a chiudere tutto

Non permetterò che quattro scalmanati senza mascherina, seduti uno vicino all’altro, mettano in discussione tutto. Sono pronto a chiudere i Navigli e a bloccare l’asporto” il discorso di Beppe Sala, sindaco di Milano, è un vero e proprio ultimatum alla popolazione. Dopo le immagini, definite vergognose, dei Navigli affollati per l’aperitivo, che dimostrano l’incuria verso le misure di distanziamento sociale, il sindaco Sala è stato costretto ad usare toni più duri rimarcando quanto sia ancora grave il problema Coronavirus.

Io non sono un politico da metafore, sono un politico da atti. – ha continuato Sala in un video postato su Facebook – E il mio non è un penultimatum ma un ultimatum. O le cose cambiano oggi o io domani prenderò provvedimenti: chiudo i Navigli o piuttosto chiudo l’asporto. E poi lo spiegate voi ai baristi perché il sindaco non gli permette di vendere le loro bevande. Noi siano non solo in crisi dal punto di vista sanitario e abbiamo visto quanto la pandemia ha toccato la nostra città, ma siamo in una profondissima crisi economica-sociale. Milano ha bisogno di tornare a lavorare. Non è un vezzo riaprire ma è una necessità. Io sto e starò sempre dalla parte di quelle famiglie che fanno fatica ad arrivare a fine mese. Sto dalla parte di chi va a lavorare e non a divertirsi. Ma lo ripeto. Non stiamo giocando a guardie e ladri, non è un gioco, non possiamo permettercelo in una città con un milione e 400mila abitanti e 1700 chilometri di strada. Usiamo la testa tutti anche perché senza testa c’è solo l’1 per cento dei milanesi e non permetterò che l’1 per cento metta in difficoltà il restante 99 per cento“.