Atletica, Usain Bolt senza freni: “mi godo la pensione, non torno a gareggiare. Carl Lewis? Non sarò un ex atleta che si lamenta”

L'ex sprinter giamaicano ha parlato del suo futuro, escludendo un ritorno alle gare nei prossimi anni anche solo per alcune staffette

SportFair

Usain Bolt si è ormai lasciato alle spalle il mondo dell’atletica, dopo aver scritto la storia di questo sport. I suoi record ancora resistono e, per molto tempo, nessuno potrà mai avvicinarsi.

Usain Bolt distanza socialeIl giamaicano in questo momento si gode la sua famiglia in un periodo difficile per tutti, scatenando però anche alcune discussioni sul post pubblicato sui social della sua vittoria alle Olimpiadi di Pechino, alludendo al distanziamento social considerando la distanza dai suoi avversari: “è stata una trovata del mio amico-manager NJ Walker. Ho pensato fosse divertente e mi è parso che la gente abbia apprezzato” le parole del giamaicano alla Gazzetta dello Sport. “È importante, in periodi difficili come questo, provare a rimanere positivi. Non volevo passare da sbruffone, ma pubblicare un post leggero, in grado di strappare un sorriso. Nessuno avrebbe dovuto offendersi o irritarsi”.

Bolt poi ha escluso un suo ritorno alle gare: “non sapevo di tali speculazioni, non ho mai pensato a un ritorno per il 2020 e non ho alcuna intenzione di tornare per il 2021. Mi sto godendo la pensione. Le parole di Carl Lewis sul futuro dell’atletica? Non diventerò mai un ex atleta che si lamenta di ogni cosa, facendo confronti col proprio passato. Tutte le discipline devono evolversi col mutare dei tempi e reagire ai gusti e alle necessità degli atleti, degli spettatori, dei media. Anche l’atletica, certamente“.