Wimbledon
Alex Davidson - foto Getty

Il torneo di Wimbledon è stato cancellato. Ieri pomeriggio è arrivata la notizia che tutti gli appassionati di tennis non avrebbero mai voluto sentire, lo Slam sull’erba inglese, il più affascinante torneo al mondo, non andrà in scena nella sua edizione 2020.

Dopo quanto accaduto al Roland Garros, slittato nel mese di settembre, ci si domanda adesso come mai gli organizzatori di Wimbledon non abbiano preso in considerazione l’idea di uno spostamento anzichè cancellare il torneo. I problemi di tale ipotesi sono sopratutto legati sopratutto al meteo, problemi sollevati dallo stesso board all’interno della nota diffusa nello scorso weekend. “La breve finestra a nostra disposizione per mettere in piedi i Championships in virtù della superficie di gioco ci suggerisce che lo spostamento in avanti non sia privo di rischi e difficoltà”, parole e musica dell’AELTC. Sostanzialmente, piogge e l’oscurità in arrivo troppo presto nel pomeriggio, lasciano agli organizzatori di Wimbledon uno spazio di manovra davvero molto esiguo, da qui l’impossibilità di trovare un’altra sistemazione al torneo.

Leggi anche >> Wimbledon non soffrirà la crisi da Coronavirus: lo Slam inglese ha un’assicurazione contro la pandemia