Tennis, l’USTA investe 50 milioni di dollari e rimanda la decisione sugli US Open

L'USTA investe copiose somme per sostenere il movimento tennistico americano a seguito della pandemia da Coronavirus

Il mondo del tennis attende con ansia di capire quali saranno gli sviluppi del Coronavirus, per stabilire se si possa tornare in campo o meno entro la fine della stagione 2020. Al di là dei calendari ATP e WTA, il tennis potrebbe avere notevoli problemi di carattere economico in vista della ripresa, problemi ai quali l’USTA, federazione tennistica americana, ha voluto far fronte con un ingente intervento.

50 milioni di dollari sono stati infatti investiti nel mondo del tennis, in varie forme che accontentano le varie parti in causa. Vi saranno infatti finanziamento per i circoli, finanziamenti per i maestri, 5 milioni di dollari in finanziamenti e borse di studio per le comunità disagiate, il mantenimento del programma “grow the game” con 35 milioni di dollari che saranno elargiti tra il 2020 e il 2021 e tante altre forme di sostegno alle attività tennistiche. Insomma, una mossa davvero forte da parte dell’USTA che non vuole che il movimento soffra dopo questa pandemia. In chiave US Open invece, per adesso c’è totale incertezza in merito alla disputa del torneo, dato che ogni decisione è stata slittata al mese di giugno.