Beppe Bergomi
Foto Getty / Enrico Locci

La Serie A è ancora ferma a causa del Coronavirus, l’estate si avvicina e il tempo stringe. L’obiettivo è quello di portare a termine il campionato senza sforare con le tempistiche andando ad intaccare lo svolgimento della stagione 2020-2021. Ipotesi complicata visto i continui rinvii e le tante gare da recuperare.

Il nodo più importante da sciogliere è ovviamente quello dell’assegnazione dello scudetto. A tal proposito Beppe Bergomi ha aperto all’ipotesi di un girone per l’assegnazione del titolo: “l’idea del girone a tre per lo scudetto potrebbe essere buona, al limite si potrebbe aggiungere una quarta squadra, poi le altre sono troppo distanziate. Bisognerebbe poi dare dei vantaggi ha chi occupa una posizione migliore, come la Juventus. Scudetto già assegnato in Belgio? E’ una scelta comprensibile, va accettata. Assegnare il titolo è una cosa relativa: non assegnarlo al Liverpool in Inghilterra sarebbe assurdo, mentre in Italia Agnelli non vuole conquistarlo a tavolino viste le distanze minime con Lazio e Inter”.