Gabriele Maltinti/Getty Images

Il 2020 non è stato certamente fin qui un anno da ricordare per Nicolò Zaniolo, costretto prima a operarsi per la rottura del crociato e poi a stare in casa in seguito all’emergenza Coronavirus.

zanioloMesi difficile, che il talento della Roma sta superando insieme alla propria famiglia, sempre accanto a lui fin dal suo esordio con la maglia giallorossa. Intervenuto ai microfoni del ‘Messaggero’, Zaniolo ha sottolineato: “la Roma per me è tutto, mi ha regalato emozioni indescrivibili a partire dall’esordio al Bernabeu. Mi ha fatto esultare, gioire e sentire amato dai tifosi. Non vedo il motivo per cui debba cambiare e spero di rimanere qui per tantissimi anni. L’infortunio? E’ stata una bella batosta, ci sono volute due o tre settimane prima di superarla. All’inizio è stata molto dura, ma non ho mai perso la voglia di sorridere ed essere felice. Ogni giorno mi do degli obiettivi da raggiungere e il ginocchio sta rispondendo bene, spero di tornare in campo più forte di prima“.

Coronavirus
Justin Setterfield/Getty Images

Sull’emergenza Coronavirus e il taglio degli stipendi, Zaniolo ha ammesso: “credo che le cose vadano gestite tra di noi, prima di essere comunicate all’esterno. Per quanto riguarda il taglio degli ingaggi, spero che si arrivi a una soluzione comune che riguardi tutto il calcio italiano. In questi momenti mi sento orgoglioso di far parte della famiglia Roma, per l’aiuto che stiamo dando tutti, a partire dalla società fino ad arrivare a giocatori e tifosi. Usciremo da questo momento e torneremo ad abbracciarci“.