roland garros
Julian Finney - foto Getty

Il Coronavirus ha scombussolato il calendario dei tornei tennistici 2020, provocando anche qualche polemica. Se a Wimbledon hanno deciso di cancellare il torneo, i colleghi del Roland Garros hanno preso un’iniziativa in totale autonomia andando a piazzare lo Slam a fine settembre, in barba a tutto e tutti. Secondo Jim Courier però, gli organizzatori del Roland Garros si sono pentiti del modo nel quale hanno preso la loro scelta.

L’ex tennista ne ha parlato al New York Times: “da quanto ho sentito, il Roland Garros ha presto riconosciuto il suo errore di aver scavalcato gli altri senza alcun preavviso, credo ci siano state molte discussioni da allora tra i vari dirigenti“. Courier non è l’unico ad aver parlato di tale pentimento. David Haggerty, presidente dell’ITF, ha infatti rivelato: “Credo abbiano capito quanto sia fondamentale collaborare sulle decisioni importanti per il tennis. La buona notizia è che ora i sette dirigenti del tennis ora hanno potuto confrontarsi regolarmente sulla situazione attuale e l’impatto che questo ritardo avrà sul calendario del tennis“.