Romelu Lukaku
Foto Getty / Emilio Andreoli

Servirà ancora un po’ di pazienza prima di poter tornare ad uscire regolarmente, seppur con delle ristrezioni e particolari accortezze, a causa dell’emergenza coronavirus. Il numero dei contagiati in Italia continua a calare, ma intanto bisognerà rispettare le restrizioni imposte dal governo almeno fino a Pasquetta, come affermato ieri sera dal premier Conte.

Lukaku e Lautaro
Francesco Pecoraro/Getty Images

Dal mondo dello sport arrivano però, fortunatamente, diversi spunti che tengono impegnati tutti gli appassionati, tra sfide virtuali ed interviste. A toccarla piano, oggi, è Lukaku, che in una diretta Instagram organizzata dalla Puma non ci ha pensato due volte prima di lanciare una frecciatina ai piani alti del calcio italiano.

Perché dobbiamo giocare se nel mondo c’è gente che rischia la vita? Eppure è stato necessario che fosse positivo un giocatore della Juve perché il calcio si fermasse: è normale tutto ciò? No, non è normale”, ha affermato il calciatore belga dell’Inter.

Lukaku e Lautaro
Francesco Pecoraro/Getty Images

Il calcio mi manca, però adesso l’importante è la salute della gente. Tutto il resto è secondario. Ciò che mi manca di più è il ritmo gara, la competizione con l’avversario, lo stadio pieno, l’affetto del pubblico. Sto sfruttando questo momento per analizzare le mie ultime prestazioni, anzi, più in generale tutto quello che ho fatto negli ultimi sei mesi. Si può sempre migliorare nel calcio”, ha aggiunto Lukaku.