Zlatan Ibrahimovic
Foto Getty / Emilio Andreoli

L’estate che verrà è alquanto incerta, calcisticamente parlando e non solo. In casa Milan si attende l’ennesima rivoluzione: cambia il quadro dirigenziale, via Stefano Pioli e forse niente più Ibrahimovic. Nonostante l’attaccante svedese si sia dimostrato provvidenziale nelle poche partite giocate da gennaio in poi, il progetto giovani che il fondo Elliott vuole portare avanti, cozza con la figura del bomber ex Los Angeles Galaxy.

Nelle ultime settimane ha preso piede l’ipotesi ritiro, ma secondo la ‘Rosea’, Ibra ha ancora voglia di giocare. Se le contrattazione fra Raiola e Gazidis dovessero portare ad un nulla di fatto, Ibrahimovic potrebbe decidere ugualmente di restare in Italia, anche senza Milan. Sono due le ipotesi clamorose per il futuro dello svedese: la prima è quella di restare in Serie A, vestendo la maglia del Bologna di Sinisa Mihajlovic, allenatore con il quale Ibra ha un grande rapporto di stima e amicizia. Già in estate il Bologna aveva sondato il terreno, ma Zlatan scelse il Milan; la seconda, più complicata da realizzare ma incredibilmente romantica, sarebbe quella di un approdo di Ibrahimovic al Monza, un regalo di Silvio Berlusconi per la promozione in Serie B del club lombardo.