correa

Otto mesi fa il terribile incidente di Spa, costato la vita ad Antoine Hubert e quasi la gamba destra a Juan Manuel Correa, anche lui protagonista di quel tremendo scontro.

juan manuel correa Oggi il pilota ecuadoregno è tornato a compiere i primi passi, seppure con un tutore protettivo con i chiodi che sorreggono l’osso della gamba destra, a cui si aggiunge una placca metallica fondamentale per far ricrescere la tibia, ridottasi dopo l’operazione di ben sei centimetri di osso. Una conquista pazzesca per Correa, che ha rischiato anche l’amputazione dell’arto, salvato dopo ben 17 ore di intervento. Un lungo percorso riabilitativo che comincia a dare i suoi frutti, regalando all’ecuadoregno quella speranza fondamentale per andare avanti.