zack brown mclaren
Lars Baron/Getty Images

La crisi finanziaria che sta colpendo i team di Formula 1 potrebbe avere conseguenze serissime, spingendo alcune squadre ad abbassare definitivamente le saracinesche dei propri garage.

gp austria f1
Bryn Lennon/Getty Images

Un’eventualità analizzata anche da Zak Brown, amministratore delegato della McLaren: “questo periodo è potenzialmente devastante per le squadre e se lo sarà per un numero sufficiente di squadre, il che non deve significare più di 2, allora è una grave minaccia per la F1 nel suo complesso. Potremmo vedere due team scomparire a causa di ciò che sta accadendo nel mondo, qualora non adottassimo misure aggressive per arginare tutto questo? Sì. Potremmo vederne addirittura 4 scomparire se non si affronta in modo giusto questo periodo“.

Carey
Charles Coates/Getty Images

Brown ha proseguito: “è difficile pensare che ci possa essere qualche investitore che faccia la fila per prendere il controllo di squadre, come invece è successo sistematicamente nel corso della storia. Non credo che i tempi possano essere peggiori, da questo punto di vista. Penso proprio che la F1 sia in un momento delicato, sia molto fragile, in questo momento. Credo che 18 monoposto sia il punto limite. Dunque, in realtà, potremmo anche permetterci di perdere un team. Due sarebbe entrare nella zona rossa. Perdendone tre, invece, avremmo problemi molto seri“.