squadra Ferrari
Mark Thompson/Getty Images

La Ferrari si è adeguata all’ultimo Dpcm del Governo, annunciando la chiusura delle proprie attività fino al prossimo 3 maggio, nuova data di scadenza del lockdown.

Vettel Binotto Leclerc
Foto Getty / Mark Thompson

Proseguiranno come di consueto invece quelle che potranno essere svolte in smart working, come accaduto nelle settimane appena trascorse. A differenza dei team inglesi, la scuderia di Maranello non ricorrerà alla cassa integrazione, ma proseguirà a pagare di tasca propria i dipendenti sia del Reparto Corse che della produzione, senza ricorrere ai fondi dello Stato. Una scelta che onore alla Ferrari, decisa a camminare ancora una volta con le proprie gambe.