Ronaldo e Szczesny
Tullio M. Puglia/getty images

Dall’Assemblea straordinaria della Lega Calcio, tenutasi nelle ultime ore, non è stato trovato alcun accordo comune sul taglio degli stipendi dei calciatori di Serie A. La linea da seguire, probabilmente, sarà quella della Juventus, ovvero cercare un accordo privato fra club e giocatori, diverso a seconda della squadra.

In occasione del prossimo consiglio federale inoltre, la FIGC proporrà di spostare al 30 giugno prossimo la data ultima entro la quale dovranno essere pagati gli stipendi di marzo, aprile e maggio. Verrà poi ufficializzato che al prossimo campionato ci si potrà iscrivere con gli stessi requisiti infrastrutturali della stagione in corso, evitando dunque alle squadre le spese per l’adeguamento degli stadi.