reims

Una tragica notizia mette sotto shock il calcio francese, il medico sociale del Reims si è suicidato nella giornata di oggi, lasciando sgomenti tutti i membri della società.

Reims
Robert Cianflone/Getty Images

Positivo al Coronavirus, così come la moglie, il 60enne stava trascorrendo la quarantena in casa, prima di giungere al folle gesto, spiegato probabilmente nella lettera rinvenuta vicino al suo corpo. Una notizia tragica, che ha sconvolto anche il sindaco di Reims, Arnaud Robinet: “il mio pensiero va ai genitori, alla moglie e a tutta la famiglia. Non conosco però il contenuto della lettera. Era una persona straordinaria, un uomo molto impegnato dal punto di vista professionale“. Su quanto accaduto è intervenuto anche un membro del club a Le Parisien: “ho parlato con lui la scorsa settimana, ma non ha mai toccato quest’argomento. È un dramma incomprensibile, lo shock è terribile”. 

Reims
Robert Cianflone/Getty Images

Commosso infine il presidente del Reims: “mi mancano le parole, sono sbalordito. Ci ha lasciato un grandissimo professionista, un pezzo di storia del Reims. Ha svolto la sua missione con il massimo dell’impegno per oltre 20 anni. Il mio pensiero va alla moglie e ai genitori”.