Coronavirus – La sensazione di Spadafora: “presidenti pronti a chiederci sospensione definitiva Serie A”

Secondo il ministro Spadafora, la maggioranza dei presidenti dei club di Serie A potrebbe chiedere presto al governo la sospensione definitiva del campionato

Il campionato di Serie A potrebbe essere sospeso definitivamente. La decisione è fra le varie opzioni percorribili dal governo da diverso tempo, ma se fossero gli stessi presidenti dei club di Serie A a chiederlo espressamente, al fine di prepararsi per la prossima stagione, sarebbe una sorta di via libera.

Lo spiega il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ai microfoni di ‘Omnibus’ su La7: “sono in corso i contatti tra il comitato tecnico scientifico e la FIGC, che aveva presentato un protocollo per la ripresa degli allenamenti. Il comitato l’ha ritenuto insufficiente, e stamattina si dovrebbe capire se cambierà decisione. Io ho sempre detto che la ripresa degli allenamenti non significava riprendere il campionato. Se non si vuole l’incertezza che si faccia come in Francia e Olanda, fermando qui il calcio. Io vedo il sentiero per la ripresa della Serie A sempre più stretto. La ripresa degli allenamenti, a prescindere, sarebbe importante per i calciatori fermi da mesi. Fossi nei dirigenti delle società di calcio penserei a farmi trovare pronto per il nuovo campionato, a fine agosto. Gli altri paesi hanno preso delle decisioni che potrebbe seguire anche l’Italia: fermarsi potrebbe diventare una linea europea.

Il presidente della Lazio dice che vedremo i calciatori allenarsi a Villa Borghese? Spero che Lotito fosse ironico. Noi non potevamo, come non abbiamo fatto per nessun altro settore del Paese, riaprire lo sport per tutti. Lo sport non è solo calcio e il calcio non è solo Serie A. Ci sono milioni di persone, dilettanti e di altri sport, interessati a riprendere. Abbiamo deciso di optare per gli allenamenti individuali ai professionisti, o ai non professionisti di rilievo, per ridurre i numeri. Non abbiamo consentito agli sport di squadra di riprendere gli allenamenti di gruppo perché il protocollo presentato non era sufficiente. Credo che nei prossimi giorni potremmo avere una sorpresa: secondo me la maggioranza dei presidenti ci chiederà di sospendere e di prepararci nel migliore dei modi al prossimo campionato“.