Coronavirus – Serie A, in caso di contagio le squadre possono rischiare sul piano penale

L'avvocato giuslavorista Giampiero Falasca avverte i club di Serie A sui rischi di un possibile contagio: i dirigenti potrebbero essere considerati responsabili sul piano penale

Nel momento in cui allenamenti e partite ricominceranno, in caso di nuovi contagi da Coronavirus fra i calciatori, i club rischiano di essere chiamati a rispondere sul piano civile e non solo: i dirigenti potrebbero essere considerati responsabili sul piano penale“. È quanto spiegato ai microfoni delll’ANSA da Giampiero Falasca, avvocato giuslavorista esperto di sport, dopo i dubbi in merito sollevati dai medici delle squadre. “Un caso del genere potrebbe esser considerato infortunio sul lavoro, come ha precisato il Decreto Cura Italia“, ma “non tutti i contagi sarebbero fonte di responsabilità, se i club dimostrano di aver messo in campo tutte le cautele“.