Zanetti
Alessandro Sabattini/Getty Images

Intervistato ai microfoni di Sky Sport, Javier Zanetti ha sottolineato un punto fondamentale riguardante la possibile ripresa della Serie A. Mentre si dibatte infatti sulla ricerca di una data per la ripresa del campionato, così come sulla formula adatta per per portare a termine la stagione, va tenuto conto anche dell’aspetto psicologico dei calciatori: “sinceramente pensare oggi alla ripresa è molto difficile. Fino al 13 aprile restiamo a casa, è la cosa più giusta da fare. E’ molto difficile pensare a un ritorno in campo, chi dovrà prendere le decisioni dovrà stare attento. Si tratta di salute. Non è un interruttore che si accende e si spegne, bisognerà vedere l’aspetto psicologico dei giocatori, percepisco la loro preoccupazione e bisogna tenerne conto, sono esseri umani che hanno famiglia. Io lavoro da qui, in contatto con il mister, Lele (Oriali ndr), i ragazzi e gli altri dirigenti: stiamo lavorando per soddisfare le esigenze dei nostri partner che hanno puntato su di noi“.