Coronavirus, la Lega di Serie A risponde a Spadafora: “vogliamo giocare, sarebbe innaturale dire il contrario”

Il presidente della Lega di Serie A ha risposto alle parole del ministro Spadafora, chiarendo la propria posizione

Questa mattina il ministro Spadafora aveva annunciato che, in mancanza di accordo tra FIGC e comitato scientifico sui protocolli da seguire per la ripresa, il Governo determinerebbe la chiusura del campionato di Serie A.

spadafora
Claudio Villa – foto Getty

Parole a cui ha risposto il presidente di Lega Paolo Dal Pino, pubblicando una nota ufficiale: “apprezzo molto le parole del Ministro Spadafora di questa mattina e il suo appello. Da parte della Lega Serie A c’è stata e sempre ci sarà disponibilità a un dialogo costruttivo, nella certezza che il lavoro del Ministro dello sport e il nostro non possano che mirare a un bene comune nella sua accezione più ampia. È un momento tremendo per il Paese e per il mondo, solo uniti e compatti se ne uscirà insieme. Come tutti gli italiani vorremmo tornare a lavorare e a vivere la nostra vita quanto prima”.

Serie A
Pier Marco Tacca/Getty Images

Il presidente Dal Pino poi ha proseguito: “naturale che la Lega Serie A voglia giocare a pallone, sarebbe contro natura dire il contrario. Chi ha un mestiere vorrebbe sempre continuare a farlo. Se sarà possibile farlo rispettando norme e protocolli sanitari, bene. Altrimenti ci atterremo rigorosamente, come abbiamo sempre fatto, alle decisioni del Governo. Il Ministro può avere certezza del nostro spirito costruttivo e collaborativo e che la mia sintonia con il presidente della FIGC Gravina è assoluta”.