Rustu
EuroFootball/Getty Images

Recber Rustu continua la sua personalissima battaglia con il Coronavirus, che lo ha costretto al ricovero in ospedale in condizioni davvero molto serie.

Rustu
Laurence Griffiths/Getty Images

Con il passare delle ore il quadro clinico sembra migliorare, ma la situazione non va assolutamente sottovalutata, considerando la particolarità della malattia. Intervenuta sui social, la moglie dell’ex portiere del Barcellona ha rivelato: “le ultime 72 ore sono state complicate, speriamo in un miglioramento della situazione. Questa è la battaglia di una persona con un virus cattivo che non conosce il corpo umano e cambia continuamente. Non è una semplice influenza o un semplice raffreddore. Bisogna individuarla subito, è fondamentale. Può partire dal naso o dalla gola ma si muove velocemente in altri punti del corpo. Una volta nei polmoni si moltiplica. Le prime 72 ore sono quelle più complicate“.

coronavirus
Carlos Alvarez/Getty Images

Passando poi alle condizioni del marito, la moglie di Rustu ha ammesso: “ha avuto febbre per giorni con sintomi mai visti prima. Come se avesse la malaria. Respirava con difficoltà e in modo affannoso. Aveva le labbra grigie e i battiti cardiaci irregolari, parlava a fatica. Terribile. Questo è un problema grave. Gli ospedali sono pieni di persone purtroppo. Bisogna restare assolutamente a casa”.