Coronavirus, il ministro Spadafora annuncia: “senza accordo tra FIGC e comitato scientifico, il Governo chiuderà la Serie A”

Il ministro dello Sport ha sottolineato che, in caso di mancato accordo tra FIGC e comitato scientifico, la Serie A non riprenderà in questa stagione

Sono giorni importanti per quanto riguarda il futuro della Serie A, mai come in questo momento a serio rischio almeno per ciò che concerne la stagione in corso.

San Siro
Marco Luzzani/Getty Images

La ripresa appare sempre più lontana, a maggior ragione ascoltando le parole del ministro Spadafora rilasciate questa mattina a Rai Tre: “se si troverà un accordo tra il comitato tecnico scientifico, gli allenamenti ripartiranno e questo potrà avere i suoi effetti sulla ripresa del campionato. Viceversa, sarà il governo a decretare per motivi di evidente emergenza sanitaria mondiale, la chiusura del campionato. Secondo me bisogna che anche la Lega Serie A debba smetterla con polemiche e scontri. Io penso che il calcio debba essere anche in questo momento un simbolo di quello che è sempre cioè di leggerezza, di gioco, che si debba dividersi solo per il tifo per le nostre squadre del cuore e non per altro“.

Serie A
Pier Marco Tacca/Getty Images

Il ministro dello Sport ha poi proseguito: “ora la situazione è questa, in questi giorni ancora il comitato tecnico-scientifico sta incontrando le varie componenti del mondo dello Sport quindi, la FIGC e non solo per avere gli approfondimenti sul Protocollo per gli allenamenti per la ripresa, che la FIGC aveva proposto. Ora diciamolo chiaramente, se questo protocollo troverà in sintesi un accordo tra comitato tecnico-scientifico e FIGC, gli allenamenti riprenderanno. Questo sicuramente avrà un riflesso anche positivo sulla possibile ripresa campionati, viceversa sarà il governo a decretare per motivi di evidente emergenza sanitaria, per motivi di emergenza sanitaria mondiale la chiusura del campionato anche creando, è possibile, quelle condizioni affinché il mondo del calcio paghi meno danni possibili“.