coronavirus
Tracey Nearmy/Getty Images

Il Coronavirus non è stato ancora debellato, ma già si comincia a pensare a cosa ne sarà dopo dell’Italia, al momento chiusa in casa come da disposizioni del Governo.

Coronavirus
Vittorio Zunino Celotto/getty images

Il noto virologo Burioni ha sottolineato come la ripresa non sarà rapida e dovrà seguire determinate linee guida: “le raccomandazioni possono cambiare nel tempo e variano via via che aumenta la conoscenza di questo che è un nuovo virus. Ora sappiamo due cose: si tratta di un virus molto contagioso e le mascherine chirurgiche ostacolano tantissimo la sua diffusione. A dircelo è uno studio pubblicato proprio ieri su Nature Medicine. Le mascherine saranno presidi fondamentali nei prossimi mesi. Perché non sappiamo ancora quando potremo uscire, ma speriamo il prima possibile. E dobbiamo essere pronti. Basta con i ritardi e la burocrazia: quando riprenderemo, tra 15-20 giorni, un mese, dobbiamo essere in condizione di poter indossare tutti le mascherine“.

coronavirus
Spencer Platt/Getty Images

Il virologo ha poi proseguito: “dovremo essere pronti a fare tanti test per identificare gli infetti, a isolarli e a sfruttare le possibilità offerte dal tracciamento elettronico dei contatti. Ben sapendo che si è infettivi anche prima di mostrare i sintomi e da asintomatici. Dunque, anziché chiederci quanto potremo uscire, facciamoci trovare pronti per quando sarà“.