Coronavirus – Formula 1, il Gp d’Austria si può correre: la posizione del governo

L'Austria non si oppone allo svolgimento del Gp di Formula 1: resta il problema riguardante l'ingresso degli stranieri nei confini austriaci

Dopo una serie interminabili di rinvii, la Formula 1 potrebbe aver trovato finalmente una certezza: in Austria si può correre. Forse. Resta sempre qualche dubbio, in quanto la minaccia Coronavirus è ancora forte, seppur proprio l’Austria sia stato il primo paese europeo ad allentare le misure di contenimento riaprendo piccoli negozi e parchi pubblici.

Il ministro dello Sport e vice-cancelliere Werner Kogler, ha spiegato: “questa è una situazione diversa da quella delle partite in uno stadio perché le regole del distanziamento sociale dovrebbero essere rispettate. Alla fine, però, le federazioni sportive devono decidere da sole”. La Formula 1 ha infatti rassicurato sulla possibilità che il distanziamento sociale venga rispettto nel paddock, ma le misure stringenti sull’entrata in Austria di cittadini stranieri potrebbe rappresentare un ostacolo importante. In ogni caso comunque, la certezza è che se si dovesse corerre in Austria il prossimo 5 luglio, si correrà a porte chiuse.