Bernal
Daniel Kalisz/Getty Images

Penso che sia meglio che l’inizio del Tour (previsto sabato 27 giugno da Nizza, ndr) venga posticipato”. Si è espresso così Egan Bernal, vincitore della scorsa Grande Boucle, in merito alla possibilità che il Tour de France 2019, previsto per il 27 giugno prossimo, venga posticipato. “Questo stop sta condizionando tutti, e se anche il Tour de France si disputasse a luglio, non tutti avrebbero la possibilità di potersi preparare al meglio. – ha spiegato Bernal in una diretta Instagram della Federciclo colombiana – Sarebbe meglio se fosse spostato. Attualmente io non mi sto allenando, appena rientrato in Colombia ho fatto diverse sezioni sui rulli ma con i tecnici ora abbiamo stabilito che era meglio il riposo. Per il bene del ciclismo, per gli sponsor che investono e per tutti quelli che sono stati colpiti dal lockdown, io spero che i grandi giri si riescano a disputare nel 2020. Se così non fosse saremmo davanti a qualche cosa di davvero molto serio. Dobbiamo capire come evolverà la pandemia, io penso che a un certo punto dovrà finire”.