Tra la ripresa della Serie A e il mercato, Cassano lavora già come un direttore sportivo: “ho trovato il nuovo Kakà”

Fantantonio sta analizzando partite su partite per trovare nuovi talenti, intanto aspetta l'occasione giusta per tornare nel mondo del calcio

Giornate intere trascorse a studiare talenti e guardare partite, Antonio Cassano ha scelto la strada da seguire e aspetta il momento giusto per rimettersi in carreggiata.

Ferrero
Paolo Rattini/Getty Images

Fantantonio ha la carriera di direttore sportivo nel mirino, non resta che trovare un club che gli dia fiducia per partire. La Samp si è già fatta sentire, ma il Coronavirus ha bloccato tutto: “studio giorno e notte, guardo partite in continuazione. Mi piacerebbe lavorare con Bielsa, è un rivoluzionario e andremmo molto d’accordo” le parole di Cassano al Corriere della Sera. “In 5-6 mesi fa crescere i giocatori in maniera impressionante. Tra gli italiani mi piace Allegri, non è vero che è catenacciaro. Ha una grande idea offensiva di calcio”.

Allegri
Michael Steele/Getty Images

Cassano ha poi svelato di aver già le idee chiare sui talenti del futuro: “segnatevi Carrascal. È un ragazzo del River Plate e mi ricorda il primo Kakà per cambio di passo e qualità di palleggio. Se trova l’allenatore giusto diventerà un giocatore top. In Italia punto su Chiesa e non è vero che segna poco, in tre anni e mezzo ha fatto 30 gol partendo dalla fascia. Tra le squadre non posso che essere affascinato dall’Atalanta, la mia Samp anche ha ottenuto risultati esaltanti, ma loro sono più continui“.