Suarez
Alex Caparros/Getty Images

Il proprio futuro, il possibile arrivo al Barcellona di Neymar e Lautaro Martinez e la querelle sul taglio degli stipendi.

Lautaro Martinez
Emilio Andreoli/Getty Images

Sono questi i temi analizzati da Luis Suarez nel corso della sua chiacchierata con il Mundo Deportivo, partendo principalmente dal mercato: “Lautaro Martinez è un giocatore cresciuto molto in Italia, ha movimenti spettacolari e questo fa di lui un centravanti speciale. Un concorrente in più per me in attacco? Vincere è l’obiettivo di tutti e se qualcuno può arrivare e aiutarci a farlo, è il benvenuto. Quando c’è sana competizione all’interno della squadra, avere più giocatori di talento è un bene, a patto che si remi tutti dalla stessa parte. Neymar? Ovviamente lo conoscono tutti e si sa quanto sia apprezzato dal gruppo, è un giocatore indiscutibile perché ha ancora molto da dare e nello spogliatoio sarebbe sempre il benvenuto“.

Setien
AP/LaPresse
Emilio Morenatti

Sul proprio rinnovo l’uruguaiano non si è sbilanciato: “non so ancora niente. Il futuro è una delle cose a cui penso meno ora. Nella situazione che il mondo sta vivendo oggi dobbiamo pensare a come andare avanti, e poi si parlerà del resto. Al momento ho un contratto con il Barcellona e lo rispetto, poi verrà sicuramente il momento per il club e per me di discutere di quello che verrà, ma abbiamo sempre avuto ottimi rapporti e non avremo problemi ad accordarci“.

Barcellona
Aitor Alcalde/Getty Images

Infine, Suarez ha chiarito la querelle stipendi: “ci sono state troppe voci false. Si diceva che i giocatori non volessero perdere tanti soldi, che alcuni non erano d’accordo – spiega l’attaccante – questo ha infastidito me e tutti i compagni. La predisposizione di tutti noi ad accogliere le richieste del club è stata sempre massima. I tempi per l’accordo? Non è facile trovare un’intesa immediata con 22-23 giocatori, il club e gli avvocati dei giocatori. Hanno trovato le migliori soluzioni e credo l’abbiano formalizzata comunque nel minor tempo possibile.”