Lawrence Stroll
Charles Coates - foto Getty

Adesso è ufficiale, l’Aston Martin avrà un proprio team in Formula 1 a partire dal 2021. Con una nota la casa automobilistica ha reso ufficiale ciò che di fatto si sapeva da tempo, dopo un’assenza che durava dal biennio 1959-1960.

L’acquisizione ha richiesto tutta la mia attenzione e le mie energie negli ultimi mesi, con alcune notti insonni, ma è stata una delle trattative più interessanti che ho mai portato avanti. Le auto sono la mia passione, sono una parte enorme della mia vita e Aston Martin ha sempre avuto un posto speciale nel mio cuore. Un marchio con il pedigree e la storia di Aston Martin ha bisogno di essere presente al più alto livello dello sport motoristico. Penso che sia la cosa più eccitante che è accaduta nella storia recente della Formula 1 ed è incredibilmente eccitante per tutte le parti interessate, in particolare i fan. Non riesco a pensare a un nome migliore per un team di Formula 1. La nostra strategia di investimento fa della Formula 1 un pilastro centrale della strategia di marketing ed è perfettamente logico rinominare così la Racing Point“, queste le parole di Lawrence Stroll, nominato presidente esecutivo del marchio lo scorso 30 marzo, rese note attraverso un comunicato stampa. L’Aston Martin nel 2021 prederà il posto della Racing Point, di proprietà proprio di Stroll, che peraltro è il padre del pilota Lance.