Alessandtro Gentile
Foto Getty / Zhong Zhi

Alessandro Gentile appoggia la decisione della FIP di sospendere, in maniera definitiva, il campionato di Serie A di basket a causa dell’emergenza Coronavirus. Il cestista di Trento, intervistato ai microfoni del Corriere dello Sport, ha ammesso che, nonostante la decisione presa sia sofferta, mettere la salute al primo posto è la scelta giusta. Inoltre, a suo dire, lo scudetto andrebbe sempre assegnato sul campo: “manca tanto la palestra, mancano le partite, manca l’urlo della gente. Per questo non ho mai creduto a una ripartenza a porte chiuse. Lo sport ha bisogno degli appassionati e gli appassionati hanno bisogno dello sport. Fa male fermarci ma la salute, su questo non possiamo che essere d’accordo, viene prima di tutto. Giusto non assegnare lo scudetto. Si vince e si perde sfidandosi. Poi nel basket il tricolore lo assegnano i Playoff, dove ogni verdetto può essere messo in discussione“.