Reina
Alex Broadway/Getty Images

Pepe Reina si trova in questi giorni in Gran Bretagna, dove il Coronavirus sta raggiungendo un livello elevato di contagio e fa paura. Il calciatore dell’Aston Villa ha rivelato d’aver avuto i sintomi della malattia, parlando ai microfoni di El partidazo de COPE:

“Questa settimana sono stato io a dover fare i conti con il virus, il momento più complicato l’ho messo alle spalle ormai, sono da due settimane chiuso in casa. Ho preso tutte le precauzioni per non infettare le persone che vivono con me. Come sto? Mi sono sentito come se un camion mi fosse passato sopra, ma ora tutto è alle spalle e mi sento benissimo. Qui i tamponi non vengono eseguiti, a meno che tu non stia molto male e devi andare in ospedale per farlo. Parlando con i dottori mi hanno detto che i sintomi sono quelli, ma di fatto non ho avuto una conferma ufficiale”. Ma non è tutto, Reina prosegue: “Noi calciatori siamo dei privilegiati, per me è facile restare in quarantena, abbiamo una grande casa con un giardino e viviamo in una strada con soli quattro vicini: possiamo anche fare attività fisica. Le persone che hanno veramente gli attributi sono quelli che vivono in un appartamento di 70 metri quadri con due figli. Loro sono degli eroi“.